Logo Historica Collectibles
Italiano English Español Français Deutsch

Cassette Chirurgiche di Guillaume Dupuytren Baron, Medico di Napoleone Bonaparte, Fine XVIII° secolo

Cassette Chirurgiche di Guillaume Dupuytren Baron, Medico di Napoleone Bonaparte, Fine XVIII° secolo 2.jpg (13757)3.jpg (13758)4.jpg (13759)5.jpg (13760)6.jpg (13761)7.jpg (13762)8.jpg (13763)9.jpg (13764)10.jpg (13765)11.jpg (13766)12.jpg (13767)13.jpg (13768)14.jpg (13769)15.jpg (13770)16.jpg (13771)

Bellissime Cassette Chirurgiche, realizzate in legno, appartenute al Barone, Dr. Guillaume Dupuytren,1777- 1835, considerato il più grande chirurgo francese del XIX° secolo ed uno dei più grandi di sempre: Chirurgo capo dell'Hôtel-Dieu di Parigi dal 1815, è celebre per aver curato le emorroidi di Napoleone Bonaparte e per aver descritto la deformante malattia di Dupuytren.
Queste due straordinarie cassette chirurgiche, realizzate in legno e radica di noce con intarsi la più grande, in legno di mogano intarsiato con essenza di pianta da frutto la più piccola, si compongono di strumenti  facenti parte delle due specializzazioni di Dupuytren: Chirurgia Patologica e Chirurgia Oculistica. Grazie anche alla piccola cassetta di strumenti chirurgici oftalmici, si è potuto approfondire una delle specializzazioni cui Dupuytren eccelleva. In realtà sino ad oggi , non erano note cassette chirurgiche a lui appartenute relative la chirurgia oculistica. Infatti le uniche due conosciute a lui appartenute ed esposte al Museo del Louvre, si riferiscono esclusivamente alla chirurgia anatomica.
Grazie ad una pubblicazione scientifica, stampata in lingua italiana  dalla Tipografia Sansone Coen di Firenze nel 1834 "Lezioni Vocali di Clinica Chirurgica" dette nell'Hotel-Dieu di Parigi dove il Barone Dupuytren fu chirurgo primario, possiamo apprendere che il famoso chirurgo, spiegò tra l'altro un trattato completo di tutti gli studi e della vastissima pratica chirurgica della "cataratta" la quale, operò personalmente varie volte su pazienti anziani ma anche su pazienti molto giovani.
Era anche all'epoca  uso e costume, da parte delle aziende produttrici di strumenti chirurgici, fare omaggio ad importanti chirurghi e medici i loro manufatti più pregiati in eleganti trousse in modo da incrementare il proprio prestigio potendo così aggiudicarsi il diritto di pubblicizzare il loro marchio quali fornitori diretti di importanti luminari. Tutto ciò ci conferma la più chiara ed esplicita spiegazione della presenza del nome Guillaume Dupuytren, Baron, su entrambe le cassette di strumenti chirurgici.
Altresì, voglio precisare che esistono altre 2 cassette chirurgiche a lui appartenute e conservate nel Museo del Louvre a Parigi (Vedi ultime 2 foto), le quali si distinguono, per la straordinaria qualità e quantità di strumenti conservati al loro interno ma altresì non presentano  esteticamente lavorazioni ad intarsio così come  le cassette pubblicate in questo sito.
Con tutta probabilità, si ritiene che le 2 cassette conservate al Louvre, gli furono donate ma non utilizzate in quanto, sono in una condizione di "pari al nuovo". Diversamente, e verosimilmente lo sono gli strumenti e le cassette pubblicati in questo sito, furono utilizzate dal Dupuytren frequentemente.

Guillaume Dupuytren, Baron , (nato il 5 ottobre 1777, Pierre-Buffière, nei pressi di Limoges, chirurgo e patologo francese noto per la sua descrizione e lo sviluppo di procedure chirurgiche per alleviare " La contrattura di Dupuytren "(1832), in cui la fibrosi dei tessuti profondi del palmo provoca la ritrazione permanente di una o più dita.
Nel 1802 Dupuytren si unì allo staff dell'Hôtel Dieu , che frequentò per più di 30 anni, diventando il suo chirurgo in capo. Fù chirurgo di Luigi XVIII , che lo nominò barone e di Carlo X .
Dupuytren fu il primo ad asportare la mascella inferiore (1812). Introdusse una nuova classificazione delle ustioni e fornì la prima chiara descrizione della patologia della dislocazione congenita dell'anca (1826). Ideò un intervento chirurgico per il cancro della cervice uterina e per la creazione di un ano artificiale (1828). Tra gli altri suoi trionfi vi erano legature dell'arteria succlavia (1812 e 1829), trattamento di aneurismi mediante compressione (1818) e trattamento chirurgico del collo storto (1822).
Fu celebre inoltre per aver curato le emorroidi a Napoleone Bonaparte.









Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti: clicca su "consento" per abilitarne l'uso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra informativa completa. Consento