Logo Historica Collectibles
Italiano English Español Français Deutsch

Binocolo 12x Voigtländer Braunschweig, Nirvana, circa 1906

Binocolo 12x Voigtländer Braunschweig, Nirvana, circa 1906 2.jpg (7261)3.jpg (7262)4.jpg (7263)5.jpg (7264)6.jpg (7265)7.jpg (7266)8.jpg (7267)9.jpg (7268)10.jpg (7269)11.jpg (7270)12.jpg (7271)13.jpg (7272)14.jpg (7319)

Binocolo in 12x prodotto dalla Voigtländer Braunschweig, mod. "Nirvana", nel 1906 circa.
Sulla piastra oculare sinistra è presente il logo "Voigtländer Braunschweig".
Sulla piastra oculare destra, oltre che il logo della città di "Braunschweig" (il Leone), sono presenti sia gli ingrandimenti "12x" e "Nirvana" denominazione del modello.
Oltreciò è presente il numero di serie "15955" che lo colloca come prodotto nel 1906 circa.
Ciò che rende estremamente affascinante questo binocolo, è il fatto che vista la sua ottima realizzazione (il solo corpo in alluminio mentre tutto il resto in ottone), la Carl Zeiss, tra il 1907 ed il 1914, decise di mettere in produzione un binocolo praticamente identico denominato "Telefort" con medesima forma estetica e medesimi ingrandimenti.
La visione è collimata e nitida, i meccanismi funzionano correttamente.

La Voigtländer Braunschweig fu creata a Vienna nel 1756, l'azienda prese il nome dal suo fondatore, Johann Christoph Voigtländer e produsse inizialmente strumenti ottici, destinati in particolare a microscopi e ad altre apparecchiature scientifiche. Tra le prime realizzazioni gli obiettivi di tipo Petzval, e altri destinati a diventare famosi, come ad esempio il Collinear e l'Heliar. Nel 1840 costruì la prima lente per macchine fotografiche, mentre nel 1841 venne messo a punto il primo dagherrotipo interamente in metallo. Produsse successivamente macchine a lastra, costruite in modo praticamente artigianale. Nel 1849 la sede venne trasferita a Braunschweig, in Germania, dove poco dopo nacque la Voigtländer & Sohn. Nel 1925 venne acquistata dalla Schering AG. In seguito la Voigtländer orientò la produzione verso apparecchi fotografici accessibili a tutti, e questo le consentì di rimanere fra i leader del mercato fin dopo la Seconda guerra mondiale. Nel 1958 fu comprata dalla Carl Zeiss Foundation e nel 1972 venne rinominata "Zeiss Ikon Voigtländer". Nel 1973 il marchio divenne di proprietà della Rollei fino alla crisi del 1982. A questo punto il marchio fu comprato prima da "Plus foto", che dal 1980 commercializzò fotocamere Voigtländer prodotte dalla Ricoh e dalla Chinon e poi nel 1995 da "Ringfoto", ma questo rappresenta più che altro un lungo periodo di buio. Finalmente nel 1999 si ha la rinascita del marchio con l'acquisto da parte della giapponese Cosina.
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti: clicca su "consento" per abilitarne l'uso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra informativa completa. Consento