Logo Historica Collectibles
Italiano English Español Français Deutsch

Doppelfernrohr 7x50 Srb&Stys, Nordsee, Kriegsmarine, mit Ledertasche, circa 1941

Doppelfernrohr 7x50 Srb&Stys, Nordsee, Kriegsmarine, mit Ledertasche, circa 1941 3.jpg (9378)4.jpg (9379)5.jpg (9380)6.jpg (9381)7.jpg (9382)8.jpg (9383)12.jpg (9387)13.jpg (9388)14.jpg (9389)15.jpg (9390)16.jpg (9391)17.jpg (9392)18.jpg (9393)19.jpg (9394)20.jpg (9395)21.jpg (9415)

Doppelfernrohr 7x50, prodotto dalla Srb&Stys - Fabrik Praziser Messinstrumente, Prague (Czech), nel 1941 circa, destinati ai reparti della Kriegsmarine operanti nel Mare del Nord (Nordsee).
Sulla piastra oculare destra infatti sono riportate le informazioni specifiche necessarie all'individuazione di questo modello (N = Nordsee - D.F. 7x50 = Doppelfernrohr - 2325 Numero di Assegnazione), mentre sulla piastra sinistra è presente il marchio di accettazione della Kriegsmarine (Reichsadler con sottostante "M" di Marina). Il numero di serie del binocolo è: 65237.
La visione è ottima, collimata e tutti i meccanismi funzionano in modo molto fluido e corretto.
Il binocolo, in condizione di completezza, è in ottimo stato di conservazione infatti è presente la sua originale custodia in cuoio robusto (presente il marchio di accettazione da parte della Kriegsmarine), con cinghia regolabile, benutzer in cuoio robusto e cinghia a tracolla.

L'Azienda fu fondata da Jaroslav Srb (1892 - 1967) che iniziò i suoi studi in campo ottico presso l'università tecnica di Praga. Durante la Prima Guerra Mondiale lavorò presso la Zeiss dove conobbe il meccanico ottico Josef Stys (1899 - 1850) il quale divenne socio e fu disegnatore e ottico della loro azienda che chiamarono successivamente Srb&Stys.
L'azienda, fondata il 21/11/1919 ebbe, tra i primi progetti, la riparazione di microscopi e produzione di micro lampade. La Srb&Stys aveva sede a Kavalirka, al XVII° di Kosire. Già pochi mesi dopo la loro apertura di dedicarono alla produzione di apparati ottici per la Geodesia, Astronomia e Meteorologia.
Nel 1921, il Dipartimento della Difesa Cecoslovacco, commissionò alla Srb&Stys una fornitura di Teodoliti. Per il Ministero della Pubblica Istruzione produssero microscopi i quali montavano ottiche Zeiss.
Nel 1924 realizzarono un proprio laboratorio dedito al processo di "lucidatura" delle lenti. Nel 1937 l'azienda si trasferi in un grande edificio posto davanti la loro ormai vecchia fabbrica. Disponevano di 300 lavoratori i quali erano impiegati alla molatura delle lenti. La Srb&Stys fornì telescopi e binocoli all'Esercito Turco, cannocchiali per l'Esercito Jugoslavo e strumenti di rilevamento alla Grecia. Jaroslav Srb e Josef Stys fondarono la "Romanian Czechoslovakian Optics" come affiliato della loro Srb&Stys di Praga in Romania.
Nel 1937 l'azienda disponeva di 860 lavoratori ed era nel suo massimo sviluppo e stava pensando di ampliare la sua produzione aprendo un nuovo stabilimento in Inghilterra. Nel 1939, con lo scoppio della 2^ guerra Mondiale e l'occupazione della Cecoslovacchia da parte dei tedeschi, la Srb&Stys vide bruscamente interrompersi il suo quasi inarrestabile sviluppo. Durante la 2^ Guerra Mondiale la società era sotto il pieno controllo dei tedeschi e ottemperò pienamente alle forniture richieste.
Nel 1940 Jaroslav Srb fu arrestato per sabotaggio per poi essere rilasciato per mancanza di prove ma gli fu severamente vietato di entrare nel proprio stabilimento.
Nel 1945 Jaroslav Srb e Josef Stys decisero di abbandonare la produzione di apparati ottici militari per dedicarsi esclusivamente alla produzione di binocoli, miscroscopi e teodoliti per il mercato civile. Nel Maggio del 1945 "The Revolutionary Works Council" si scagliò sulla Srb&Stys commissariandola e mettendola a disposizione "del popolo". L'azienda disponeva di più di 500 dipendenti e fu messa sotto il controllo dello Stato e fu ribattezzata "Meopta".
Durante la rivoluzione comunista avvenuta nel febbraio del 1949 Stys fu irragionevolmente arrestato e morì poco tempo dopo il suo rilascio, avvenuto nel 1950.
Nel 1963, in un riordino drastico, l'azienda fu rinominata ZPA Kosire e la produzione si concentrò sulla realizzazione di dispositivi elettromeccanici, memorie a nastro, alimentatori e dispositivi di misurazione ottici per macchine a controllo numerico. Nel 1996 fu dichiarata la bancarotta.
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti: clicca su "consento" per abilitarne l'uso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra informativa completa. Consento