Logo Historica Collectibles
Italiano English Español Français Deutsch

Dono del Re Vittorio Emanuele III al Prefetto di Ravenna, 1918

Dono del Re Vittorio Emanuele III al Prefetto di Ravenna, 1918 1.jpg (2579)2.jpg (2580)3.jpg (2581)4.jpg (2582)5.jpg (2583)6.jpg (2584)7.jpg (2585)8.jpg (2586)9.jpg (2587)10.jpg (2588)11.jpg (2589)12.jpg (2590)13.jpg (2591)14.jpg (2592)15.jpg (2593)16.jpg (2594)17.jpg (2595)18.jpg (2596)19.jpg (2597)20.jpg (2598)21.jpg (2599)22.jpg (2600)23.jpg (2601)24.jpg (2602)25.jpg (2603)26.jpg (2604)27.jpg (2605)28.jpg (2606)29.jpg (2607)30.jpg (2608)31.jpg (2609)32.jpg (2610)33.jpg (2611)34.jpg (2612)35.jpg (5068)36.jpg (5069)

Fotografia autografa con dedica di Sua Maestà Re Vittorio Emanuele III°, da lui donata al Prefetto di Ravenna, in occasione della visita ufficiale del Re avvenuta il 18 Maggio 1918, presso il campo esercitazioni della Pinarella, località posta poco fuori Ravenna, dove potè assistere  alla sfilata in parata dei Corpi e Reparti militari di tutta la competenza territoriale di Ravenna. La cornice atta a contenere la fotografia è completamente lavorata a mano in legno di noce e fu eseguita con il metodo ad incastro di listelle multiple, applicato con grande maestria per ridurre al minimo la possibilità che avvenisse nel tempo qualche piegamento o distacco  tra le giunture del legno. Gli intagli eseguiti con estrema cura e raffinatezza da maestro ebanista, riportano il motto della Casa Reale "Fert", così come gli scudi Sabaudi e la cimasa  con la Corona Reale scolpiti a rilievo dal massello con estrema precisione, riconducono questa cornice come opera realizzata  su commissione esclusiva della Casa reale rendendola un vero e proprio capolavoro di ebanisteria. La fotografia a sali d’argento applicata su cartoncino risulta essere stata eseguita da Guigoni e Bossi, G. Comoletti succ., Fornitori della Real Casa. Al piede è indicata la dedica a inchiostro nero: “Al Comm.re Crivellari Prefetto di Ravenna - Vittorio Emanuele - 1918”. 

Il Commendatore dott. Gaetano Crivellari, nacque ad Arezzo il 14 Giugno 1866, fu Ispettore Generale dell'Amministrazione Centrale e nominato Prefetto di 2^ classe della Provincia di Ravenna il 31 Agosto 1916, ruolo che ricoprì fino al 25 Agosto 1919. Il 16 Aprile 1920 fu nominato Prefetto di Palermo e ricoprì questa carica fino al 10 ottobre 1920. Morì a Roma il 21 Dicembre dello stesso anno.


Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti: clicca su "consento" per abilitarne l'uso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra informativa completa. Consento