Logo Historica Collectibles
Italiano English Español Français Deutsch

ϟϟ-Porzellanmanufaktur Allach "Steigendes Pferd" Prof. Adolf Röhring Modell 95, circa 1939

ϟϟ-Porzellanmanufaktur Allach "Steigendes Pferd" Prof. Adolf Röhring Modell 95, circa 1939 2.jpg (7830)3.jpg (7831)4.jpg (7832)5.jpg (7833)6.jpg (7834)7.jpg (7835)8.jpg (7836)9.jpg (7837)10.jpg (7838)11.jpg (7839)12.jpg (7840)13.jpg (7841)14.jpg (7842)15.jpg (7843)16.jpg (7844)17.jpg (7845)18.jpg (7846)19.jpg (7847)20.jpg (7848)21.jpg (7849)22.jpg (7850)23.jpg (7851)24.jpg (7852)25.jpg (7853)26.jpg (7854)

Steigendes Pferd (cavallo rampante Lipizzano o Lusitano), realizzato dal Prof. Adolf Röhring della ϟϟ-Porzellanmanufaktur Allach, nel 1939. Denominato Modello 95, come risulta dal catalogo della Manifattura di Allach, è da considerarsi una delle opere ceramiche più importanti e straordinarie del XX° secolo. Data la sua estrema difficoltà di realizzazione, dovuta alla minuziosità e precisione del dettaglio, nonché all'eccezionale accuratezza del colore e stesura degli smalti, la manifattura di Allach, nel Professor Adolf Röhring, la realizzò in pochissimi esemplari.
Nel 1938 furono prodotti solamente 67 Steigendes Pferd bianchi e nessuno colorato. Nel 1939 altresì la Manifattura produsse ancora 245 Steigendes Pferd bianchi e nessuno colorato, quindi il presente esemplare colorato, potrebbe essere stato commissionato da o per qualche alta personalità del Reich, infatti risulta attualmente essere l'unico modello 95 di Steigendes Pferd colorato conosciuto.
Queste straordinarie sculture in porcellana, vennero realizzate e messe a disposizione dell'acquisto ai soli alti ufficiali delle ϟϟ e non si esclude, visto il  limitatissimo numero di produzione, che fossero destinate per essere donate ad importantissime autorità del III Reich.
Stato di conservazione: eccezionale.

La ϟϟ-Porzellanmanufaktur Allach (München GmbH) fu stata fondata nel 1925 dall'industriale Franz Nagy insieme al suo socio e decoratore Carl Diebitsch.
E' situata nella piccola cittadina di Allach, vicino Monaco di Baviera in Germania.
Due anni dopo l'ascesa la potere di HItler venne "requisita" dalle ϟϟ e un anno dopo fu inclusa tra le attività industriali gestite dall'Ufficio del Personale dell' ϟϟ-Reichsfuehrer Heinrich Himmler e affidata al controllo dell'ϟϟ-Obersturmbannfuehrer Prof. Diebitsch, capo di questo ufficio. che si occupava di tutti gli affari artistici e architettonici di interesse per Himmler.
Heinrich Himmler, il Reichsführer delle ϟϟ, aveva visto in tale acquisto la possibilità di produrre su scala industriale opere d'arte in porcellana e in ceramica le quali avrebbero rappresentato, agli occhi di Himmler e del popolo germanico, la vera cultura ario-germanica.
Per il marchio si scelsero ovviamente le rune delle ϟϟ e la produzione, come per altre produzioni delle ϟϟ, non fu indirizzata ad ottenere profitto ma piuttosto a creare prodotti di alta qualità. La Germania aveva sempre avuto una grande tradizione nella porcellana di qualità e così Himmler decise che i pezzi fabbricati ad Allach dovessero riflettere la forma dell'Arte e il sentire del Terzo Reich e delle ϟϟ in particolare. Una volta pienamente consolidatasi la sua produzione, la fabbrica passò, nel 1939, sotto il controllo dell'Hauptamt Verwaltung Und Wirtschaft (Dipartimento Principale Amministrativo ed Economico delle ϟϟ) guidato da Oswald Pohl.
L'ϟϟ-L'Obersturmbannfuehrer Diebitsch, divenuto capo della fabbrica Allach, in occasione dell'apertura del negozio-esposizione di Berlino in Leipzigerstrasse 13, il 1° Aprile 1939, ebbe a dire: "Nessun popolo vive più a lungo degli attestati della sua Cultura. Queste parole del Führer sono il nostro motto culturale. Sappiamo che tutto quello che produrremo sarà esaminato criticamente da chi verrà dopo di noi e non vogliamo lasciare a queste future generazioni una cattiva impressione dei nostri manufatti".
Per ottenere questo risultato Himmler reclutò i migliori artisti dell'epoca: Röhring, Zuegel, Diebitsch, Karner, Wagenfeld, Forster and Thorak, etc.
La caduta del Terzo Reich, l'8 Maggio 1945, faceva terminare per sempre tale produzione.

Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti: clicca su "consento" per abilitarne l'uso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra informativa completa. Consento