Logo Historica Collectibles
Italiano English Español Français Deutsch

Zieloptik CXN (Emil Busch) per Lafette MG34, circa 1939

Zieloptik CXN (Emil Busch) per Lafette MG34, circa 19392.jpg (7323)3.jpg (7324)8.jpg (7329)59.jpg (7380)80.jpg (7401)81.jpg (7402)82.jpg (7403)84.jpg (7405)86.jpg (7407)87.jpg (7408)90.jpg (7411)91.jpg (7412)92.jpg (7413)94.jpg (7415)95.jpg (7416)96.jpg (7417)97.jpg (7418)99.jpg (7420)100.jpg (7421)101.jpg (7422)102.jpg (7423)103.jpg (7424)104.jpg (7425)105.jpg (7426)106.jpg (7427)107.jpg (7428)108.jpg (7429)110.jpg (7431)111.jpg (7432)112.jpg (7433)113.jpg (7434)114.jpg (7435)116.jpg (7523)117.jpg (7524)120.jpg (7527)121.jpg (7528)122.jpg (7529)124.jpg (7531)

Zieloptik (Ottica di Puntamento) prodotta nel 1939 circa dalla CXN, nome in codice della ditta Emil Bush di Rathenow (su disposizione de Oberkommando der Wehrmacht) installata sui Lafette delle MG34 (Machine Gewehr). 
L'ottica, estremamente compatta e funzionale, fu progettata per ottemperare alle straordinarie caratteristiche balistiche cui era dotata l'MG34, la quale aveva un alzo graduato fino a 2000 metri, ma il fuoco poteva essere effettuato oltre i 3500 metri grazie appunto all'ottica, la quale, dotata di un collimatore ed elevatore micrometrico, consentiva al mitragliere di alzare il lafette fino alla massima portata ed effettuare un tiro estremamente preciso grazie anche al particolare reticolo cui l'ottica è dotata.
Tutti i meccanismi funzionano perfettamente ed è presente intatta la sua originale verniciatura.

Emil Busch nacque il 6 Agosto 1820 a Berlino e morì a Rathenow il 1 Aprile del 1888 e fu uno dei più importanti industriali tedeschi nel campo dell'ottica e della meccanica di precisione. Fu uno dei fautori dell'invenzione del grandangolo.
Era il figlio del mercante berlinese Friedrich Ludwig Busch e sua moglie Jeanette, figlia dell' imprenditore Johann Heinrich August Duncker. Nel 1836 si trasferì, con la sua famiglia, da Berlino a Rathenow. Nel 1840 Emil Busch tornò a Berlino come apprendista ottico e meccanico. Nel 1845 acquisì la Industry Institute Optical dallo zio Edward Duncker. Dotò la fabbrica di nuovi macchinari che aveva in parte costruito nella propria officina meccanica. L'uso delle nuove macchine portò ad un aumento significativo dei dati di produzione anche perché, grazie ai macchinari, riuscì a limitare i tempi di produzione rispetto al solo lavoro manuale.
Nel 1852 iniziò lo studio e la produzione di obiettivi fotografici e nel 1865 esce il suo primo obiettivo grandangolare "Pantoscop". Il fondatore della fotogrammetria architettonica Albrecht Meydenbauer scambiò opinioni sulla realizzazione tecnica di una fotocamera la quale fu dotata nel 1867 dell'obiettivo "Pantoscop". Nel 1868 Busch fu nominato dal re per i suoi servizi "Königlichen Kommerzienrat".
Nel 1872 trasformò l'azienda in una società per azioni in modo da facilitare gli investimenti necessari alla crescita. Questo avvenne grazie all'aiuto di Vereinsbank Quistorp & Co. che portò il capitale sociale della società a 275.000 dollari. Nella società denominata da allora Rathenower Optical Istituto Industriale ex Emil Busch A.-G. Emil Busch, ricopri l'importantissimo incarico di "Delegato del Consiglio di Supervisione" e ne fu direttore.
La società raggiunse un ruolo dominante nel periodo successivo. Grazie agli accordi non ufficiali con la Zeiss limitò la libera concorrenza. Da sempre il nome Emil Busch è sinonimo di estrema qualità in campo ottico.
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies, anche di terze parti: clicca su "consento" per abilitarne l'uso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra informativa completa. Consento